Avviato a Grosseto il progetto Agroalimentare Toscana sud

MAREMMA – Importante riscontro per l’iniziativa organizzata sotto l’egida della Camera di commercio della Maremma e del Tirreno denominata “Dal distretto rurale della Maremma al distretto agroalimentare della Toscana del Sud“.

Partito quasi in sordina, l’evento grossetano era stato immaginato inizialmente sotto forma di un semplice convegno, quello che doveva essere un incontro per parlare delle nuove sfide e delle opportunità per le aziende che operano nel settore agroalimentare si è presto trasformato in un fatto di portata macro-territoriale grazie al coinvolgimento attivo dei rappresentanti politici ed economici dell’intera Toscana meridionale.
Dopo i saluti di Antonfrancesco Vivarelli Colonna, nella sua duplice veste di sindaco e presidente della provincia di Grosseto, attraverso l’opera di coordinamento del presidente della CCIAA Riccardo Breda sono poi seguiti gli interventi di Luca Sani, presidente della commissione agricoltura della Camera dei Deputati, del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e dell’assessore regionale all’agricoltura Marco Remaschi che hanno tenuto a battesimo la costituzione del comitato promotore del Distretto Agroalimentare della Toscana del sud.
Per l’occasione, sotto lo sguardo attento ed interessato dei numerosi rappresentanti di tutti i soggetti sottoscrittori, ovvero le Camere di Commercio, i comuni e le associazioni di categoria di Livorno, Grosseto, Siena ed Arezzo, sono stati chiariti i numerosi obiettivi che il Comitato avrà, a partire dall’impegno di presentare progetti in tempi celeri alla Regione Toscana per l’assegnazione di finanziamenti agevolati per i contratti di filiera e di distretto deliberati dal CIPE, il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica. La giunta Toscana lo scorso luglio aveva infatti approvato e pubblicato l’avviso pubblico, riservato alle imprese della trasformazione e della commercializzazione del settore agroalimentare ed agroindustriale localizzate nell’area sud, con l’obiettivo di raccogliere e selezionare le progettualità preliminari per favorire l’attivazione delle procedure per la sottoscrizione di un contratto di distretto col Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, a partire dal prossimo autunno.

In questi giorni, pertanto, la repentina accelerazione per giungere ad una prima concretizzazione del progetto, così come testimoniato dalle parole dello stesso presidente della Regione Toscana: «Abbiamo da subito creduto nell’importante strumento offerto dal bando del Mipaaf – ha spiegato Enrico Rossii contributi in conto capitale e finanziamenti agevolati per investimenti di sviluppo del settore agroalimentare e agroindustriale della Toscana del Sud possono rappresentare un punto di svolta in termini di posti di lavoro, agendo anche conseguentemente da volano per l’economia del territorio. Sono felice che gli stimoli a proseguire rapidamente siano provenuti dalle imprese e dalle rappresentanze di categoria, anche perché l’invio della manifestazione di interesse da proporre al Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali con la sottoscrizione di contratto di distretto ha tempi stretti vista la scadenza al 16 ottobre 2017».



Un modo nuovo di comunicare con i turisti, i cittadini, le imprese e gli enti locali, rendendoli partecipi della vita sociale, politica e amministrativa, informandoli sulle attività e sui servizi offerti dalla Maremma e dagli importanti borghi quali Capalbio, Cecina, Civitavecchia, Follonica, Gavorrano, Grosseto, Massa Marittima, Orbetello, Piombino, Santa Marinella, Siena, Tarquinia.



Utilizzando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie da parte de "Il Maremma" (maggiori informazioni)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi