Al Cardarelli l’alternanza si coniuga con il rispetto dell’ambiente

TARQUINIA – E’ partito l’11 maggio per gli studenti della sezione di agraria dell’IISS Vincenzo Cardarelli il progetto “Alternanza Scuola-Lavoro” in collaborazione con il Consorzio Pellicano incentrato sul compostaggio.

La vocazione dell’Istituto Cardarelli, in tutti i suoi indirizzi, è quella di sperimentare una didattica rivolta alla conservazione dei valori della nostra terra sperimentando le innovazioni che le nuove tecnologie propongono.
«Il progetto – spiega il dirigente scolastico Laura Pirolicoinvolgerà per cinque lezioni teorico pratiche i ragazzi della classi terze e quarta della sezione i quali, coordinati dal professor Odoardo Basili per l’Istituto Cardarelli e dalla dott.ssa Alessandra Siniscalchi per il Consorzio Pellicano, gli alunni affronteranno le tematiche del riutilizzo in azienda di residui colturali per la produzione di ammendante e del compostaggio in linea generale e si concluderà con una visita al sito di compostaggio industriale del Consorzio Pellicano».
Gli studenti costruiranno una compostiera, con il materiale fornito dal Consorzio Pellicano, ed avvieranno con i residui biodegradabili prodotti all’interno della scuola il primo ciclo di compostaggio controllato. Il tema del riciclo è di grande attualità nel campo dell’agricoltura e non solo, come anche l’adozione di pratiche agronomiche volte alla conservazione della fertilità del suolo e per gli studenti dell’Istituto Tecnico agrario sarà un’ottima occasione per sperimentare tecniche nuove e per avvicinarsi a tematiche di gestione ambientale ormai prioritarie nell’imprenditoria agricola per una corretta gestione del suolo.
«La didattica e la divulgazione è sempre stata una nostra attività prioritaria, sin dalla nascita dell’azienda – afferma l’amministratore delegato del Consorzio Pellicano Franco Cauccicrediamo nella sensibilizzazione e nella conoscenza e abbiamo avuto un grandissimo riscontro avendo accolto presso il nostro stabilimento operativo la visita di oltre mille studenti del Ciclo Primario e Secondario provenienti da varie province limitrofe ai quali offriamo attività didattiche a tema ambientale Abbiamo partecipato, fornendo il nostro compost, anche al Progetto Europeo “FArming Tools for external nutrient Inputs and water MAnagement – FATIMA” ovvero un Progetto di Ricerca applicativa coordinato dalla Universidad de Castilla-La Mancha, Instituto de Desarrollo Regional in collaborazione con ventitré Partner Europei, sia Enti Pubblici/Università, che Privati per l’Italia il CREA Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’Economia Agraria tra gli Enti territoriali il Consorzio di Bonifica Maremma Etrusca. La sinergia creata con IISS Vincenzo Cardarelli è particolarmente significativa perché il compostaggio è un tema chiave nei nostri progetti e una pratica molto importante in questi territori così fortemente vocati all’agricoltura».

L’iniziativa si inserisce nell’ambito dei numerosi progetti che la scuola superiore sta sviluppando per una preparazione tecnico-pratica degli studenti di agraria fortemente finalizzata ai nuovi aspetti dell’agricoltura ed in particolare ai principi dell’agricoltura sostenibile e dell’innovazione tecnologica.



Un modo nuovo di comunicare con i turisti, i cittadini, le imprese e gli enti locali, rendendoli partecipi della vita sociale, politica e amministrativa, informandoli sulle attività e sui servizi offerti dalla Maremma e dagli importanti borghi quali Capalbio, Cecina, Civitavecchia, Follonica, Gavorrano, Grosseto, Massa Marittima, Orbetello, Piombino, Santa Marinella, Siena, Tarquinia.



Utilizzando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie da parte de "Il Maremma" (maggiori informazioni)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi