Prima unione civile nel capoluogo, Ciaramella la celebrante

GROSSETO – Celebrata presso la sala del consiglio comunale la prima unione civile all’interno del territorio del comune del capoluogo maremmano, cerimonia che ha unito nel vincolo due donne.

La consigliera di maggioranza Olga Ciaramella ha provveduto infatti ad unire Esther Giuggioli e Julia Pari. «Le Istituzioni devono interpretare i mutamenti in atto nella società e dare risposte – ha dichiarato Ciaramella ma è indubbio che anche i singoli cittadini debbano tornare ad impegnarsi direttamente, senza demandare alla politica di farsi portavoce di istanze di trasformazione: viviamo in un’epoca liquida e ognuno deve fare la propria parte. Le unioni civili sono una conquista di civiltà che, come molte altre nel nostro Paese, arrivano con un ritardo non scusabile ma che, da una parte, segna un principio egalitario all’interno dell’ordinamento giuridico e, dall’altro, introduce nella nostra società un vincolo sì nuovo ma che è sempre esistito. Alle due giovani, unite oggi, auguro tanta felicità».



Un modo nuovo di comunicare con i turisti, i cittadini, le imprese e gli enti locali, rendendoli partecipi della vita sociale, politica e amministrativa, informandoli sulle attività e sui servizi offerti dalla Maremma e dagli importanti borghi quali Capalbio, Cecina, Civitavecchia, Follonica, Gavorrano, Grosseto, Massa Marittima, Orbetello, Piombino, Santa Marinella, Siena, Tarquinia.



Utilizzando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie da parte de "Il Maremma" (maggiori informazioni)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi