Mensa, per il comune la tutela dei minori è una priorità

GROSSETO – Sulla vicenda riguardante il servizio mensa, l’assessore Veltroni chiarisce che il comune resterà vicino ai bambini, agendo invece nei confronti dei genitori che provocheranno un disagio ai propri figli.

Dopo la chiamata in causa da parte dell’opposizione in consiglio comunale, l’assessore rispedisce al mittente le accuse ricevute dal centrosinistra. «Sulla vicenda mensa – rilancia infatti Chiara Veltroni – non accettiamo strumentalizzazioni né letture becere o facili. Il nuovo regolamento sul servizio di refezione scolastica, approvato lo scorso maggio dal Consiglio comunale, è frutto di un’attenta disamina delle criticità. Questa Amministrazione, per prima, ha ritenuto doveroso intervenire per ripristinare una situazione di equità e per garantire correttezza e regolarità. Il provvedimento non tocca, tuttavia, le famiglie in difficoltà che, infatti, beneficiano dell’esenzione dal pagamento dei pasti. In questi 5 mesi, gli uffici comunali hanno lavorato costantemente, in maniera trasparente e con tutte le modalità possibili, per sollecitare i morosi a sanare la propria posizione e ristabilire la legalità. A maggio erano oltre 1000 le famiglie morose, con una media annua che andava man mano aumentando. Una situazione, questa, non più tollerabile soprattutto nei confronti delle famiglie che regolarmente provvedono al pagamento, ma anche nei confronti di quelle che in questi mesi hanno provveduto a regolarizzare la proprio posizione debitoria. Non più tollerabile anche nel rispetto dell’intera collettività. Tra l’altro, si tratta di famiglie che hanno la possibilità di pagare la retta, come da dichiarazione Isee».

Insomma, il comune intende rivendicare il fatto di essersi assunto la responsabilità della decisione proprio per non dover continuare a penalizzare coloro che, puntualmente, corrispondono invece la propria parte per il servizio di refezione scolastica. «Ora è necessario che quelle famiglie che, scientemente, hanno deciso di non pagare il servizio si prendano le proprie responsabilità – annuncia infine l’assessore Veltroni – contro quei genitori che domani decideranno, consapevolmente, di mettere il proprio figlio in una situazione di grave disagio saranno attivati tutti quei procedimenti previsti dalla legge per la salvaguardia e tutela del bambino. Sono infatti proprio i genitori i primi e gli unici responsabili di questa scelta. La situazione è spiacevole tuttavia ogni intervento sarà fatto con la massima tutela dei bambini coinvolti».



Un modo nuovo di comunicare con i turisti, i cittadini, le imprese e gli enti locali, rendendoli partecipi della vita sociale, politica e amministrativa, informandoli sulle attività e sui servizi offerti dalla Maremma e dagli importanti borghi quali Capalbio, Cecina, Civitavecchia, Follonica, Gavorrano, Grosseto, Massa Marittima, Orbetello, Piombino, Santa Marinella, Siena, Tarquinia.



Utilizzando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie da parte de "Il Maremma" (maggiori informazioni)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi