Il lavoro culturale, convegno per i 60 anni dalla prima pubblicazione

GROSSETO – La Fondazione Bianciardi dedica uno studio a “Il Lavoro culturale” di Luciano Bianciardi nella giornata di sabato 17 marzo.

L’iniziativa prevista a partire dalle ore 9,30 presso la sala Marraccini di Banca Tema in corso Carducci 14 a Grosseto. «L’opera prima dello scrittore maremmano – scrive al riguardo Arnaldo Bruniha acquisito col tempo, come capita ai libri significativi, uno spessore e un peso specifico innegabili. La data della pubblicazione identifica una stagione cruciale della cultura italiana recente. Proprio nella seconda metà degli anni cinquanta, infatti, si registra, in letteratura, una varia casistica, illustrata, al vertice, soprattutto da un’opera di spicco assoluto, Quer pasticciaccio brutto de via Merulana di Carlo Emilio Gadda. Non meno stimolanti risultano altri titoli, che gli fanno corona, destinati a divenire polarizzanti, da Le ceneri di Gramsci di Pasolini, a La ciociara di Moravia, a La ballerina di carta all’Isola dell’Angelo e altri racconti di Dessì, da Il barone rampante di Calvino a Valentino della Ginzburg. La stagione parallela del cinema risulta non meno virtuosa, visto che la tempistica propone una serie di film che anticipano le prove future più indicative: Le notti di Cabiria di Fellini, Il grido di Antonioni, Le notti bianche di Visconti. In un contesto così ricco e articolato, denso di suggestioni inedite e di stimoli diversi, il Lavoro culturale di Bianciardi inaugura una cifra incisiva che conserva, a distanza, una indubbia originalità. Non solo perché riflette sulla lingua letteraria, aprendo nel contempo ad altre forme stilistiche (il cinema, per esempio, che diviene, per riflesso, il modulo espressivo privilegiato del pamphlet), ma anche per la frequentazione di un genere come la satira, recuperata in chiave politica, dunque con la volontà di attualizzare e ammodernare le sue grandi radici settecentesche, da Swift a Parini. Per queste ragioni, sommariamente esposte, la giornata di studio preventivata si presta in primo luogo a una rilettura dell’opera di Bianciardi che, per essere adeguatamente intesa, va inquadrata in modo conveniente, secondo un duplice livello. Da una parte la cultura grossetana, in quel periodo non solo provinciale, perché godeva, grazie all’attività di Cassola, allora grossetano, un momento di grande respiro: la parabola dei due scrittori, Bianciardi e Cassola, in attività di servizio sulle rive dell’Ombrone, che insieme firmano I minatori della Maremma (1956), va indagata per la sinergia che sviluppa in modo congiunto. Dall’altra – scrive al conclude infine Brunil’ambito nazionale e internazionale, pensando alla politica, che Bianciardi satireggia nel Lavoro, al cinema, di cui si è detto, alla letteratura americana incombente, che Bianciardi, a Milano dal 1954, cominciava a sondare in veste di traduttore».

Come relatori interverranno al convegno, oltre allo stesso Arnaldo Bruni, anche Giulio Ferroni, Gaetano Prampolini, Federico Pierotti, Giuseppe Lupo, Giuseppe Corlito.



Un modo nuovo di comunicare con i turisti, i cittadini, le imprese e gli enti locali, rendendoli partecipi della vita sociale, politica e amministrativa, informandoli sulle attività e sui servizi offerti dalla Maremma e dagli importanti borghi quali Capalbio, Cecina, Civitavecchia, Follonica, Gavorrano, Grosseto, Massa Marittima, Orbetello, Piombino, Santa Marinella, Siena, Tarquinia.



Utilizzando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie da parte de "Il Maremma" (maggiori informazioni)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi