Caso mense scolastiche, il centrosinistra censura la giunta

GROSSETO – Dura presa di posizione dei consiglieri del centrosinistra contrari alla decisione dell’amministrazione di separare i bambini fuori regola dai compagni che invece continueranno ad usufruire normalmente del servizio di refezione.

Per i consiglieri comunali Carlo De Martis, Lorenzo Mascagni, Rinaldo Carlicchi, Marilena Del Santo, Manuele Bartalucci, Ciro Cirillo, Marco Di Giacopo e Catuscia Scoccati la questione esulerebbe infatti dalla comprensibile esigenza di rigore fiscale, finendo per sfociare nel campo della civiltà e del buon senso. «Da questa settimana cento bambine e bambini che fino all’altro giorno trascorrevano il pranzo mangiando insieme ai propri compagni di classe – spiegano congiuntamente i consiglieri di opposizione – saranno allontanati dalla scuola oppure relegati senza cibo in un’aula separata. Questo è il risultato del nuovo Regolamento per il servizio di refezione scolastica introdotto a maggio dal Comune di Grosseto, fortemente voluto dall’Assessore Chiara Veltroni ed approvato dal Consiglio comunale con il plauso (e il voto) dei consiglieri della maggioranza di centrodestra, e naturalmente anche del Sindaco. Quei cento bambini sono i figli dei genitori che hanno omesso di regolarizzare il pagamento degli arretrati relativi al servizio mensa, per importi mediamente di poco più di cento euro. Spesso si tratta di genitori che non versano affatto in condizioni di indigenza, e pertanto sono responsabili di una condotta esecrabile e inescusabile».
Una condotta che per i consiglieri di opposizione non giustificherebbe la decisione adottata dal comune, poiché a pagarne il conto sarebbero i bambini in un modo definito “odioso e traumatico“, ovvero emarginandoli dal contesto scolastico. «Non è neppure una questione di alta pedagogia (anche se l’Assessore Veltroni qualche libro in materia forse sarebbe il caso che cominciasse a studiarlo), è prima di tutto una questione di civiltà e buon senso. Peraltro l’importanza del servizio di refezione scolastica è fuori discussione, costituendo a tutti gli effetti parte dell’orario scolastico, e lo stesso Regolamento comunale gli riconosce “una funzione educativa e formativa, che concorre ad attuare il principio di uguaglianza e di contrasto alle discriminazioni, previsto dall’art. 3 della Costituzione”».
Dai banchi del centrosinistra arriva anche una nota di biasimo per il comportamento che, secondo l’amministrazione guidata dal sindaco Vivarelli Colonna, avrebbero assunto le istituzioni scolastiche cittadine. «Ancor più grave, poi, che tutti i Dirigenti dei sette istituti comprensivi scolastici abbiano avallato una simile scelta, come ci è stato riferito dal Comune in risposta ad una interrogazione che avevamo presentato. Infine risulta incredibile come il Comune si mostri oggi stupito di come le cose siano andate a finire, e del tutto impreparato a gestire la situazione, considerato che da parte nostra avevamo in più occasioni lanciato l’allarme, proponendo anche delle soluzioni. Ad esempio fu accolta la proposta del consigliere De Martis di consentire l’accesso al servizio alle famiglie che avessero concordato un piano di rientro, così come fu accolto il nostro emendamento che introduceva strumenti per rendere più incisiva l’attività di recupero dei crediti quando la morosità non dipendesse da situazioni di effettiva indigenza. Restava sul tavolo la necessità di gestire la situazione di quegli alunni le cui famiglie, nonostante ogni sforzo e tentativo, non avessero provveduto a regolarizzare la propria posizione, eventualità che in alcun modo era stata contemplata».

Infine, sul mancato coinvolgimento delle famiglie per individuare le modalità più idonee a tutelare gli interessi degli alunni in caso di morosità, arriva la chiosa del centrosinistra. «All’epoca ci domandammo e domandammo al Comune cosa sarebbe accaduto alle bambine ed ai bambini quando, al momento del pranzo, ne sarebbero stati esclusi, tra l’altro non essendo consentito portare il pasto da casa. Ci domandammo e domandammo anche come una simile situazione sarebbe stata gestita dai dirigenti e dal personale delle scuole interessate. Ora lo sappiamo: nel modo più sciocco, cinico e brutale».



Un modo nuovo di comunicare con i turisti, i cittadini, le imprese e gli enti locali, rendendoli partecipi della vita sociale, politica e amministrativa, informandoli sulle attività e sui servizi offerti dalla Maremma e dagli importanti borghi quali Capalbio, Cecina, Civitavecchia, Follonica, Gavorrano, Grosseto, Massa Marittima, Orbetello, Piombino, Santa Marinella, Siena, Tarquinia.



Utilizzando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie da parte de "Il Maremma" (maggiori informazioni)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi