Alternanza scuola lavoro, affollato convegno presso la sala Elba

ARCIPELAGO – Un’Isola per le Scuole, la Camera di Commercio diffonde un modello innovativo di alternanza scuola lavoro, a contatto diretto con l’ambiente.

Un convegno affollato, quello tenutosi martedì 20 febbraio nella sala Elba della sede livornese della Cciaa, tutto dedicato ad un nuovo modello di alternanza scuola lavoro, a cui hanno partecipato il comune di Capraia Isola, il Parco nazionale dell’arcipelago toscano, due Istituti scolastici toscani e i referenti del progetto “Scuola outdoor in presidente camerale Riccardo Breda l’on. Silvia Velo, sottosegretario ministero ambiente, la Regione Toscana con Luca Lischi, capo gabinetto dell’assessore Cristina Grieco, il comune di Livorno con la vicesindaco Stella Sorgente ed il sistema camerale nazionale con il vicesegretario Claudio Gagliardi.
Nato da un progetto elaborato nel nord Italia, il progetto è già stato collaudato con successo nell’isola di Capraia e all’Elba: sviluppa il concetto di “outdoor” spalancando la porta della classe e trasferendo gli studenti all’aria aperta. Si riscoprono così attività manuali e artigiane, si conosce e si rispetta l’ambiente, si fanno osservazioni scientifiche, e nella settimana del campus,p receduta da una preparazione in classe, gli studenti imparano anche ad autogestirsi, a cucinare e a riordinare.
«Questo progetto di alternanza in outdoor che vi vede impegnati anche nel lavoro artigiano – sono le parole del presidente Riccardo Breda alla platea di studenti intervenuti – è un esempio del nostro futuro, fatto di tutela del territorio e dell’ambiente, aspetti importantissimi. E’ necessaria una grande sinergia tra mondo della scuola e mondo del lavoro, e la Camera di commercio è in grado di mettere insieme tutti i protagonisti di questo progetto; ma un contributo forte deve darlo anche il mondo del lavoro, quelle imprese che trovano nella Camera di commercio la loro casa comune: dobbiamo far capire al mondo delle imprese la grande opportunità che oggi viene offerta dal mondo della scuola».
Il modello sperimentato da “Rete scuole outdoor“, capofila il Liceo Duca degli Abruzzi di Treviso, ha già all’attivo esperienze nel nostro territorio, nell’isola di Capraia e nelle altre isole dell’arcipelago, in particolare all’Elba.
«L’isola, vero e proprio territorio di frontiera – ha dichiarato Stefano Feri, vicepresidente del parco nazionale dell’arcipelago – offre il contesto ideale per questo tipo di attività: recupero terrazzamenti, riscoperta di antichi sentieri, mantenimento di opere che hanno anche un ritorno di utilità enorme». Particolarmente interessanti sono state le esperienze raccontate con i filmati della settimana trascorsa alla Capraia e all’Elba dagli studenti del Liceo classico di Colle Val d’Elsa e del Liceo scientifico Galilei di Siena. L’isola di Capraia è stata una vera protagonista del convegno: fotografata con i suoi panorami mozzafiato, le sue asperità e bellezze. Presente il vicesindaco Arturo Vasuino, che ha ricordato il sindaco Guarente mancato pochi mesi fa, a cui è stato tributato un lungo applauso. Appassionata e lucida l’esposizione del metodo outdoor fatto sia dalla dirigente scolastica del Liceo Duca degli Abruzzi di Treviso Maria Antonia Piva, che da Pier Paolo Traversari, coordinatore della Rete.
Interventi anche di Franca Zanichelli, direttore parco nazionale arcipelago, che ha accompagnato i campus didattici, e di Sofia Mannelli, curatrice di Capraia Smart Island.

«Abbiamo bisogno di esperienze come questa – ha spiegato infine Claudio Gagliardiabbiamo bisogno di una scuola outdoor, oggi le imprese. Ne abbiamo intervistate 400mila e chiedono competenze trasversali (soft skills), adattamento e flessibilità, lavorare in autonomia, in gruppo, affrontare novità e risolvere problemi».



Un modo nuovo di comunicare con i turisti, i cittadini, le imprese e gli enti locali, rendendoli partecipi della vita sociale, politica e amministrativa, informandoli sulle attività e sui servizi offerti dalla Maremma e dagli importanti borghi quali Capalbio, Cecina, Civitavecchia, Follonica, Gavorrano, Grosseto, Massa Marittima, Orbetello, Piombino, Santa Marinella, Siena, Tarquinia.



Utilizzando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie da parte de "Il Maremma" (maggiori informazioni)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi